Skip navigation

per un affare banale come può essere una testimonianza o il sequestro della patente, un cittadino che non ha la macchina e deve utilizzare il bus è costretto a pernottare fuori”………………….In Campania, a Sala Consilina, dove il tribunale è stato accorpato a quello di Lagonegro in provincia di Potenza, valicando i confini regionali, i manifestanti hanno bloccato l’ingresso del palazzo ……….; a Rossano in Calabria il presidio e un blocco stradale sono riusciti a rinviare il trasloco a domani.

E che dire del commento del Presidente dell’Ordine degli Avvocati, Finetti, laddove afferma che “tutto questo ha un nome e un cognome: la politica, quella politica che ha creato questo scempio e che speriamo pagherà il conto …..”Non a caso uno degli slogan più urlati nella protesta della Rupe, e che campeggia in uno striscione appeso fuori del palazzo, è ” Orvieto ringrazia e attende impaziente il voto”.Che dire in merito allo spreco di tre milioni di euro spesi dal Ministero per ristrutturare e ampliare pochi anni fa la sede di Orvieto e per l’ulteriore investimento di cui ci si deve far carico a Terni per far posto a Orvieto.Che dire delle affermazioni di Viareggio dove taluni avvocati hanno sottolineato che “intorno al tribunale ruota la vita di tante famiglie che hanno un componente che lavora all’interno o al di fuori e comunque la nostra città subisce un grave impoverimento”.

O anche il depotenziamento di altri pubblici servizi ‘Stiamo andando in controtendenza: non abbiamo più crescita economica e demografica e neppure investimenti, e quindi il “problema Tribunale” non è il solo problema, ma il grave contingente problema a cascata sugli altri.E qui mi supporta uno stralcio dell’ultimo scritto dell’amico Mario Tiberi:”Lo stato depressivo in cui versa la città di Orvieto e che non risparmia settore alcuno, mi procura sottile e sedimentata sofferenza anche alla luce della convinzione che si potrebbe meglio e di più intervenire e, invece, non lo si pone nel dovuto essere.

Non sarebbe mia intenzione, quella di affondare ulteriormente la lama nella piaga, se non vi fossi spinto dalla amara constatazione che, più passa il tempo, e più si evidenziano ritardi, inadeguatezze e sproporzioni tra le questioni aperte e le capacità di incidenza operativa e finalmente risolutiva”.Ma questo è un problema politico-amministrativo e di gestione della “cosa pubblica”.Regione, Provincia, Comune, enti e Istituzioni, sindacati, si mobilitino oltre misura e si preoccupino nel tutelare bene i cittadini perché, come recita lo striscione “Orvieto ringrazia e attende impaziente il voto”.

 Fonte:  orvietonews.it /?page=notizie&id=35909

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: