Skip navigation

Category Archives: notizie

Luca Beatrice Nessuno dei candidati scalda la platea. Chi si aspettava lo scontro resta deluso Meno male che non ho il problema delle primarie del Pd. Fossi, e non lo sono, un elettore del principale partito di centrosinistra, sarei visibilmente imbarazzato e resterei a casa

Annunci

ANSA.it Toni Nicolini: quando la quotidianità ti emoziona. Mostra a Milano ANSA.it Uomo del Nord, amava il Sud, marciava contro le mafie, raccontando un’inedita Sicilia: un’ampia selezione di foto di Toni Nicolini è esposta nella mostra a Forma Meravigli (Milano) ‘Poesia del reale’ che si inaugura oggi e sarà visitabile fino al 23 …altro »

%image%

Che il sistema del ranking ATP sia un po’ cervellotico non lo scopriamo certo oggi, ma fa una strana impressione attendere sul Centrale dell’All England Club una sfida che, comunque vada, vedrà il passaggio di consegne del primo posto in classifica da a .

I bookmakers danno leggermente favorito il maiorchino, che a Londra non perde una partita dal 2008 e ha un record impressionante nelle finali dei tornei dello Slam, 10 vinte e 2 sole perse, con una striscia aperta di 7 successi di fila dal 2008 in qua.

Ma per vincere per la terza volta Wimbledon e rimanere, almeno agli occhi dei tifosi, il miglior tennista al mondo, Rafa dovrà sfatare il suo attuale tabù, che risponde proprio al nome di Nole Djokovic.

Dispiace per la classe di Federer, la superpotenza di Tsonga, la grinta di Murray, ma alla fine la partita perfetta per chiudere Wimbledon è proprio questa, Rafael Nadal contro Novak Djokovic: il re mancino che vuole farsi togliere la corona con un inchino e il giullare smaliziato che preferisce sottrargliela con un gran balzo.

Fonte:
http://it.eurosport.yahoo.com/03072011/45/wimbledon-djokovic-nadal-partita-dell-anno.html

Logitech spiega le novità, come il sensore con risoluzione massima di 3600 DPI e conferma il prezzo di circa 50 dollari.

Rispetto al suo predecessore il nuovo modello si avvale di un sensore con risoluzione massima di 3600 DPI – regolabile al volo a seconda delle necessità anche a 400, 800 e 1800 DPI.

Logitech afferma di aver fatto molta attenzione alla forma, alla consistenza del tracking, al layout dei tasti (che sono otto, programmabili, capaci di sopportare 10 milioni di click) e a rendere il prodotto abbastanza solido.

Gli altri dati tecnici indicano un report rate incrementato da 125 a 1000 report al secondo (1000 Hz), un fondo a basso attrito in politetrafluoroetilene, il cavo USB più leggero e una consistenza del tracking superiore – <0,5% di variazione tra il movimento della mano e quello del cursore fino a 140 IPS, a seconda della superficie.

Fonte:
http://www.tomshw.it/cont/news/logitech-optical-gaming-mouse-g400-addio-mx-518/31942/1.html

con i suoi consiglieri per la sicurezza nazionale dopo una fine

anno che ha visto crescere l’allarme terrorismo nel Paese.

fallito attentato di Natale sul volo Amsterdam-Detroit, le

preoccupazioni per lo Yemen con la conseguente chiusura

dell’ambasciata ma anche le falle nella sicurezza negli

aeroporti nonostante l’inasprimento dei controlli saranno i

parteciperanno il segretario di Stato Hillary Clinton, il

segretario alla Difesa Robert gates, il segretario alla

sicurezza nazionale Janet Napolitano, il direttore della Cia

Leon Panetta, il direttore dell’Fbi Robert Mueller e il

consigliere per la sicurezza James Jones.

Source: Continue reading »

Potremmo star qui a disquisire di calcio e dire che è vero, il primo tempo il Torino l’ha dominato e la Lazio s’è vista solo per metterla dentro con Pandev. E potremmo pure dilungarci in un’attenta disamina della partita, a cercar di capire come mai fino al 55’ la Lazio ha giocato traballando in difesa e senza il centrocampo. Però, a sentire radio e tv e pure un tifoso granata eccellente, pare che il dibattito sia altro visto che De Biasi ci tiene a dire che il Toro ne poteva infilare cinque e che l’arbitro mica l’ha capito tanto su quel rigore netto su Pratali nel primo tempo. Così, perché non si dica che ci tiriamo indietro davanti a cotanto dibattito, ci permettiamo di segnalare a De Biasi che la gomitata in faccia rifilata da Abbruscato a Cribari (che ha lasciato il campo con il viso coperto dal sangue) era da codice penale (articolo 582, da tre mesi a tre anni), nonché da espulsione. Il che avrebbe significato Toro in dieci dal 22’. E di quelle cinque occasioni da gol ne avremmo viste (forse) due, visto che nelle altre tre – traversa compresa – c’era lo zampino proprio der gomitaro. Nota a margine: se Zarate giocava nella Roma, oggi col Corriere dello Sport avremmo trovato allegato il dvd con le sue prodezze. Per non parlare della candidatura al Pallone d’oro.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=294237